« Back to Glossary Index

Émile Cohl (Émile Eugène Jean Louis Courtet, n. 1857, Parigi – m. 1938, Villejuif, Francia) è un fumettista e animatore francese, definito il “padre del cartone animato”. Durante la sua vita bohémienne Cohl rimane affascinato dal teatro dei burattini, il Guignol, e questo amore sarà ben visibile in tutta la sua opera; subisce l’influenza del caricaturista André Gill col quale collabora disegnando satira politica, e a causa della quale sarà carcerato per qualche mese. Fa il suo ingresso nel movimento dell’Arte Incoerente e, all’apparire del mezzo cinematografico, viene assunto dalla compagnia Gaumont per la quale creerà nel 1908 Fantasmagorie, il primo film di animazione realizzato su pellicola. Lascia la Gaumont e viene assunto dalla Pathé, poi si trasferisce negli Stati Uniti. A causa del Primo Conflitto Mondiale Cohl e la sua famiglia devono rientrare in Francia, ma la sua attività non riesce a decollare così, sottopagato dalla compagnia Pathé, termina la sua vita in uno stato di estrema povertà.

« torna all'indice