« Back to Glossary Index

L’effetto Kulešov è un fenomeno cognitivo generato dal montaggio cinematografico osservato e dimostrato da Lev Kulešov attraverso due celebri esperimenti che ci vennero descritti dal regista Vsevolod Pudovkin allievo, in quegli anni, della scuola nazionale di cinema diretta dallo stesso Kulešov.

In un primo esperimento, Kulešov mostrava il volto del celebre attore Ivan Mozžuchin, con un’espressione neutra, a questa scena alternava inquadrature di cose e persone diverse come un piatto di minestra, un cadavere, una bambina… dimostrando che lo spettatore leggeva, nell’immutata espressione dell’attore, ora fame, ora orrore, ora gioia. In un altro esperimento montò insieme una serie di primi piani del volto di quattro diverse donne: lo spettatore credeva si trattasse di un’unica attrice.

Noi non sappiamo con che mezzi in che modalità Kulešov realizzò concretamente questi esperimenti, con i quali dimostrò che la percezione dello spettatore è determinata dal modo in cui le inquadrature si succedono le une alle altre più che dal contenuto di ogni singola inquadratura.

« torna all'indice